Arazzi Contemporanei
Anush Hamzehian e Vittorio Mortarotti
No items found.
L’Isola

ISBN: 9788822907110,

2021,

pp. 384,

195x250 mm,

Quodlibet

€ 45 
Download
Secondo la mappatura realizzata nel 2010 dall’Unesco per l’Atlas of the World’s Languages in Danger, sono duecentocinquanta le lingue scomparse negli ultimi cinquant’anni e tremila quelle attualmente in pericolo. Scompaiono lingue a una velocità che non ha precedenti nella storia dell’umanità. Quando una lingua muore, porta con sé la conoscenza dell’ambiente che ha nominato per secoli: piante, animali, malattie, religione. Yonaguni è un piccolo pezzo di terra emerso dal mare, lontano da tutto e battuto dalle correnti più forti dell’Oceano Pacifico. Sull’isola, la più occidentale del Giappone, vivono non più di mille persone, poche delle quali ormai parlano ancora il dunan, una Severely Endangered Language, la cui sorte sembra ormai segnata. Insieme alla lingua è il mondo stesso di Yonaguni a dissolversi, poiché non c’è lavoro, non ci sono scuole superiori, non c’è futuro; le famiglie l’abbandonano, i vecchi muoiono, l’isola si spopola. Il volume documenta gli esiti della ricerca condotta da Anush Hamzehian e Vittorio Mortarotti tra il 2018 e il 2020 a Yonaguni, restituendo le immagini, le storie e gli ultimi bagliori di una comunità che scompare. Con saggi di Patrick Heinrich, Ken’ichiro Kondo, Raksit T. Lau-Preechathammarach, Gavan McCormack, Arne Røkkum, Mark Rosa. L’Isola è stato realizzato con il contributo di Fotografia Europea e CAP - Centre d’Art de Saint-Fons (Francia), in collaborazione con il Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, ed è stato presentato in anteprima al Festival Fotografia Europea di Reggio Emilia 2021.
Secondo la mappatura realizzata nel 2010 dall’Unesco per l’Atlas of the World’s Languages in Danger, sono duecentocinquanta le lingue scomparse negli ultimi cinquant’anni e tremila quelle attualmente in pericolo. Scompaiono lingue a una velocità che non ha precedenti nella storia dell’umanità. Quando una lingua muore, porta con sé la conoscenza dell’ambiente che ha nominato per secoli: piante, animali, malattie, religione. Yonaguni è un piccolo pezzo di terra emerso dal mare, lontano da tutto e battuto dalle correnti più forti dell’Oceano Pacifico. Sull’isola, la più occidentale del Giappone, vivono non più di mille persone, poche delle quali ormai parlano ancora il dunan, una Severely Endangered Language, la cui sorte sembra ormai segnata. Insieme alla lingua è il mondo stesso di Yonaguni a dissolversi, poiché non c’è lavoro, non ci sono scuole superiori, non c’è futuro; le famiglie l’abbandonano, i vecchi muoiono, l’isola si spopola. Il volume documenta gli esiti della ricerca condotta da Anush Hamzehian e Vittorio Mortarotti tra il 2018 e il 2020 a Yonaguni, restituendo le immagini, le storie e gli ultimi bagliori di una comunità che scompare. Con saggi di Patrick Heinrich, Ken’ichiro Kondo, Raksit T. Lau-Preechathammarach, Gavan McCormack, Arne Røkkum, Mark Rosa. L’Isola è stato realizzato con il contributo di Fotografia Europea e CAP - Centre d’Art de Saint-Fons (Francia), in collaborazione con il Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, ed è stato presentato in anteprima al Festival Fotografia Europea di Reggio Emilia 2021.

ISBN: 9788822907110,

2021,

pp. 384,

195x250 mm,

Quodlibet

You may also like.
No items found.
Explore our artist book selection
You may also like
Other publications you may like
Giardini, paesaggio e genio naturale
Gilles Clément
€ 10 
Moby Dick: avventure e scoperte | Adventures and Discoveries
«Vesper» No. 5
€ 18 
Niente di antico sotto il sole
Luigi Ghirri
€ 22 
I miei orribili e meravigliosi clienti
Michele De Lucchi
€ 22 
Opere 1966-1978
Superstudio
€ 80 
No items found.
Discover more about the artist
About the author

Anush Hamzehian e Vittorio Mortarotti dedicano il loro lavoro alle marginalità geografiche e sociali. Nel corso degli ultimi anni hanno realizzato progetti in Bielorussia, Giappone, Armenia e Stati Uniti, con rifugiati politici, ex minatori, sopravvissuti a tsunami e veterani di guerra.
Le loro installazioni video-fotografiche – esposte tra gli altri alla Blueproject Foundation di Barcellona, al Casino Luxembourg, al Foto Forum di Bolzano e durante manifestazioni internazionali quali il Mois de la Photo di Parigi e Manifesta – interrogano le conseguenze dei grandi eventi della Storia sui destini privati e le dinamiche di ricostruzione della memoria.
Il progetto Eden ha vinto il Leica Prize alla Biennale Images di Vevey e il premio Level 0 di Art Verona, ed è stato esposto al MAXXI di Roma.
Tra i loro volumi pubblicati si ricorda: Most Were Silent (Skinnerboox, 2018; selezionato per il LUMA Rencontres d’Arles Dummy Award), Eden (Skinnerboox, 2016) e The First Day Of Good Weather (Skinnerboox, 2015; finalista al First Book Award di Londra).
All’attività artistica Hamzehian e Mortarotti affiancano quella cinematografica. Nel 2016 il film L’Académie de la Folie è stato insignito dell’Étoile de la Scam e nel 2018 è uscito il loro lungometraggio Monsieur Kubota, un documentario sulla ricerca dell’immortalità co-prodotto da France 2.

SuperDesign charts the Italian Radicals’ bold experimentation in modern design from its birth through its continued influence on design today.Radical Design was launched by art, architecture, and design students in Italy in the mid-1960s.
See more
No items found.
Prev
We use cookies to ensure you the best experience on our website. If you continue to use this site we will assume that you are ok with it. learn more here.