Arazzi Contemporanei
Ugo La Pietra
Argomenti per un dizionario del design

ISBN: 9788822902849,

2019,

pp. 480,

167x240 mm,

Quodlibet

€ 32 
Download
«Quando, attraverso il tempo, l’evoluzione del linguaggio passò da poche parole a un numero di espressioni sempre maggiore, divenne necessario l’uso di un “dizionario” capace di elencare i vari termini e dare per ognuno la giusta interpretazione. È possibile, in un certo senso, paragonare quest’evoluzione all’itinerario percorso dal design». Ugo La Pietra Trenta voci – dedicate a temi come l’Arredo domestico, l’Artigianato, la Città, la Moda e la Tecnologia – sono la struttura portante di questo atipico dizionario, che raccoglie un centinaio di testi scritti da Ugo La Pietra sui molteplici problemi legati alla cultura del progetto e riferiti alla grande area disciplinare che va dalle arti applicate al disegno industriale, fino all’architettura. Gli articoli e i saggi qui pubblicati, sempre accompagnati da immagini cariche di indicazioni esemplificative, di ironia e di allusioni metaprogettuali, coprono un arco temporale che va dal 1972 a oggi, e testimoniano del continuo e inarrestabile esercizio conoscitivo dell’autore. Come sottolinea Carlo Vinti, il curatore di questo volume, La Pietra «ha segnalato costantemente la necessità di inserire una dimensione di ricerca non solo nelle scuole ma anche nella professione, nelle industrie e nei laboratori artigianali; ha predicato il metodo dei “travasi” e degli sconfinamenti, contro ogni specialismo settoriale», e, in questo senso, si è inscritto nella tradizione squisitamente sperimentale di Gio Ponti, poiché affascinato dalla sua capacità di attraversare tutte le arti, dall’architettura alla pittura, dalla decorazione all’arredamento. Quando Ugo La Pietra afferma provocatoriamente che «il design non esiste come disciplina», entra in risonanza con l’altro protégé milanese di Ponti, Ettore Sottsass, e con la sua stramba idea di produrre «pensieri, disegni, programmi e utopie, frasi e rivolte, irriverenze e sarcasmo, scatti paranoici e dolcezze angeliche, errori insostenibili e intuizioni che la gente, per ridere, chiama “controdesign”». Ma in fondo le riflessioni di La Pietra – «che con Mendini resta il maggior generatore di pubblicazioni sull’architettura radicale», secondo Adolfo Natalini – nascono dall’urgenza di comprendere i problemi della società contemporanea, mantenendo il più possibile aperto il proprio campo visivo al grido di «Abitare è essere ovunque a casa propria», interrogando cioè anche la cultura materiale, quella invenzione o re‐invenzione del quotidiano che la modernità ha volutamente emarginato.
«Quando, attraverso il tempo, l’evoluzione del linguaggio passò da poche parole a un numero di espressioni sempre maggiore, divenne necessario l’uso di un “dizionario” capace di elencare i vari termini e dare per ognuno la giusta interpretazione. È possibile, in un certo senso, paragonare quest’evoluzione all’itinerario percorso dal design». Ugo La Pietra Trenta voci – dedicate a temi come l’Arredo domestico, l’Artigianato, la Città, la Moda e la Tecnologia – sono la struttura portante di questo atipico dizionario, che raccoglie un centinaio di testi scritti da Ugo La Pietra sui molteplici problemi legati alla cultura del progetto e riferiti alla grande area disciplinare che va dalle arti applicate al disegno industriale, fino all’architettura. Gli articoli e i saggi qui pubblicati, sempre accompagnati da immagini cariche di indicazioni esemplificative, di ironia e di allusioni metaprogettuali, coprono un arco temporale che va dal 1972 a oggi, e testimoniano del continuo e inarrestabile esercizio conoscitivo dell’autore. Come sottolinea Carlo Vinti, il curatore di questo volume, La Pietra «ha segnalato costantemente la necessità di inserire una dimensione di ricerca non solo nelle scuole ma anche nella professione, nelle industrie e nei laboratori artigianali; ha predicato il metodo dei “travasi” e degli sconfinamenti, contro ogni specialismo settoriale», e, in questo senso, si è inscritto nella tradizione squisitamente sperimentale di Gio Ponti, poiché affascinato dalla sua capacità di attraversare tutte le arti, dall’architettura alla pittura, dalla decorazione all’arredamento. Quando Ugo La Pietra afferma provocatoriamente che «il design non esiste come disciplina», entra in risonanza con l’altro protégé milanese di Ponti, Ettore Sottsass, e con la sua stramba idea di produrre «pensieri, disegni, programmi e utopie, frasi e rivolte, irriverenze e sarcasmo, scatti paranoici e dolcezze angeliche, errori insostenibili e intuizioni che la gente, per ridere, chiama “controdesign”». Ma in fondo le riflessioni di La Pietra – «che con Mendini resta il maggior generatore di pubblicazioni sull’architettura radicale», secondo Adolfo Natalini – nascono dall’urgenza di comprendere i problemi della società contemporanea, mantenendo il più possibile aperto il proprio campo visivo al grido di «Abitare è essere ovunque a casa propria», interrogando cioè anche la cultura materiale, quella invenzione o re‐invenzione del quotidiano che la modernità ha volutamente emarginato.

ISBN: 9788822902849,

2019,

pp. 480,

167x240 mm,

Quodlibet

You may also like.
Trouble in Paradise
€ 6.600 
Forte Fibra B
€ 7.700 
Forte Fibra W
€ 7.700 
Mountains II
€ 3.500 
Mountains I
€ 3.500 
BW+G
€ 8.000 
2BW
€ 8.000 
W+B
€ 8.000 
Shades.BW
€ 8.000 
Shades.BW+R
€ 8.000 
Explore our artist book selection
You may also like
Other publications you may like
Materia-autore | Author-Matter
«Vesper» No. 2
€ 18 
L’Isola
Anush Hamzehian e Vittorio Mortarotti
€ 45 
Breve storia del giardino
Gilles Clément
€ 14,50 
Forme del paesaggio 1970-2018
Tullio Pericoli
€ 25 
La scommessa psichedelica
A cura di Federico di Vita
€ 18 
Design e antropologia
Gian Piero Frassinelli
€ 22 
Ho costruito una casa da giardiniere
Gilles Clément
€ 16 
My Horrible Wonderful Clients
Michele De Lucchi
€ 22 
Lezioni di fotografia
Luigi Ghirri
€ 22 
L'ordine complicato
Yona Friedman
€ 16 
Breve trattato sull’arte involontaria
Gilles Clément
€ 14,50 
Discover more about the artist
About the author

Ugo La Pietra è un architetto, artista, regista, musicista e designer dall’estrazione e dalla formazione del tutto eccentrica. Nato in Abruzzo da una famiglia originaria di Arpino – il paese di Cicerone –, è cresciuto a Milano frequentando nei primi anni ’60 il gruppo del Cenobio e Lucio Fontana. È stato inoltre un protagonista dell’architettura radicale, membro del collettivo Global Tools, direttore delle riviste «In» e «Progettare Inpiù», e ha partecipato nel 1972 alla mostra Italy: The New Domestic Landscape al Museum of Modern Art di New York. Da molti anni conduce una ricerca su quell’area che preferisce definire «arti applicate». Le sue opere sono presenti in molti musei, fra i quali il Frac Centre di Orléans e il Centre Pompidou di Parigi. Tra le sue numerosissime pubblicazioni si ricordano: Gio Ponti. L’arte si innamora dell’industria (Coliseum, Milano 1988; Rizzoli, Milano 2009), Abitare la città. Ricerche, interventi, progetti nello spazio urbano dal 1960 al 2000 (Allemandi, Torino 2011) e Il segno randomico. Opere e ricerche 1958‐2016 (Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo 2016).

SuperDesign charts the Italian Radicals’ bold experimentation in modern design from its birth through its continued influence on design today.Radical Design was launched by art, architecture, and design students in Italy in the mid-1960s.
See more

Migliore+Servetto Architects is a Milan-based studio which works globally. Ico Migliore and Mara Servetto work with an international team of architects and designers to create projects for institutions and companies of different scales - from site-specific installations to interior design to museums, and from retail to urban design to corporate identity...

See moreSee all artists

Marco Ferreri is an architect who lives and works in Milan and has had intense collaborations with Marco Zanuso, Angelo Mangiarotti and Bruno Munari. His research ranges from industrial design to graphics, and from architecture to set-up...

See moreSee all artists

Pier Paolo Pitacco deals with image, communication, graphics and writing. He has worked on visual and corporate identity projects with respect to images, packaging, events and exhibition projects for important companies and international brands of haute couture and design...

See moreSee all artists

Rona Meyuchas-Koblenz was born in Tel Aviv, studied at the Polytechnic Institute of Milan and currently works in an international studio based in London. As the artistic director of the Kukka Studio brand, she has created collections that have been celebrated and exhibited in public and private spaces - Spazio Romeo Gigli, British Embassy and the Gallery of Modern Art of Milan...

See moreSee all artists
Prev
We use cookies to ensure you the best experience on our website. If you continue to use this site we will assume that you are ok with it. learn more here.