Arazzi Contemporanei
Luigi Ghirri
Lezioni di fotografia

ISBN: 9788874623129,

2010,

pp. 272,

155x190 mm,

colour,

Quodlibet

€ 22 
Download
Luigi Ghirri (Scandiano 1943-Roncocesi di Reggio Emilia 1992) ha rinnovato con le sue fotografie il nostro modo di guardare il mondo, e c’è un’intera generazione di fotografi che non potrebbe esistere senza la sua opera. Durante il 1989 e il 1990 Ghirri ha tenuto una serie di lezioni sulla fotografia all’Università del Progetto di Reggio Emilia, lezioni che sono state trascritte, e in questo libro per la prima volta pubblicate; ognuna corredata dalle fotografie e dalle immagini che mostrava agli studenti e di cui parlava. È un libro di grande utilità per avviarsi all’arte della fotografia e all’arte di Luigi Ghirri, e per pulirsi un po’ lo sguardo. «Tutti i tipi di foto costituivano per Luigi un alfabeto, da Walker Evans (il suo fotografo preferito), al fantastico Eugène Atget, ad Andrè Kertész, ai personaggi di Nadar, agli innovatori Moholy-Nagy e Muybridge. A Reggio Emilia Luigi non insegnava la foto come arte separata dal resto, ma come appartenente a un alfabeto dove si collegano varie abitudini del vedere, e in cui riconosciamo un mondo abitabile». – Gianni Celati
Luigi Ghirri (Scandiano 1943-Roncocesi di Reggio Emilia 1992) ha rinnovato con le sue fotografie il nostro modo di guardare il mondo, e c’è un’intera generazione di fotografi che non potrebbe esistere senza la sua opera. Durante il 1989 e il 1990 Ghirri ha tenuto una serie di lezioni sulla fotografia all’Università del Progetto di Reggio Emilia, lezioni che sono state trascritte, e in questo libro per la prima volta pubblicate; ognuna corredata dalle fotografie e dalle immagini che mostrava agli studenti e di cui parlava. È un libro di grande utilità per avviarsi all’arte della fotografia e all’arte di Luigi Ghirri, e per pulirsi un po’ lo sguardo. «Tutti i tipi di foto costituivano per Luigi un alfabeto, da Walker Evans (il suo fotografo preferito), al fantastico Eugène Atget, ad Andrè Kertész, ai personaggi di Nadar, agli innovatori Moholy-Nagy e Muybridge. A Reggio Emilia Luigi non insegnava la foto come arte separata dal resto, ma come appartenente a un alfabeto dove si collegano varie abitudini del vedere, e in cui riconosciamo un mondo abitabile». – Gianni Celati

ISBN: 9788874623129,

2010,

pp. 272,

155x190 mm,

colour,

Quodlibet

You may also like.
Trouble in Paradise
€ 6.600 
Increase
€ 6.000 
Prospettiva Centrale
€ 8.000 
Explore our artist book selection
You may also like
Other publications you may like
Ri-vestire
Cristiano Toraldo di Francia
€ 24 
Design e antropologia
Gian Piero Frassinelli
€ 22 
L’Isola
Anush Hamzehian e Vittorio Mortarotti
€ 45 
L’Africa fantasma
Michel Leiris
€ 34 
Art of engineering – Ingenieurkunst
Werner Blaser, Werner Sobek
€ 20 
Gestus
Jeff Wall
€ 24 
Varie-età. Remo Buti
Giovanni Bartolozzi, Pino Brugellis, Matteo Zambelli
€ 34 
Argomenti per un dizionario del design
Ugo La Pietra
€ 32 
My Horrible Wonderful Clients
Michele De Lucchi
€ 22 
L'ordine complicato
Yona Friedman
€ 16 
Breve trattato sull’arte involontaria
Gilles Clément
€ 14,50 
Archi-neering
Helmut Jahn, Werner Sobek
€ 20 
Discover more about the artist
About the author

Luigi Ghirri (Scandiano 1943 - Roncocesi 1992) è un artista italiano oggi riconosciuto internazionalmente come uno dei maestri della fotografia contemporanea. La sua opera fotografica è ampiamente esposta e pubblicata, ed è conservata in collezioni private e pubbliche di tutto il mondo, tra cui MoMA (New York), Musée de la Photographie Réattu (Arles), Fotomuseum (Winterthur), Stedelijk Museum (Amsterdam), Canadian Centre for Architecture-Centre Canadien d’Architecture (Montreal), Cabinets des Estampes-Bibliothèque Nationale (Paris), CSAC (Centro Studi e Archivio della Comunicazione, Parma), MaXXI Museo delle Arti del XXI Secolo (Roma), Museum Folkwang (Essen), Art Institute of Chicago (Chicago), The Museum of Fine Arts (Houston), MUFOCO (Museo di Fotografia Contemporanea, Cinisello Balsamo), Fondazione Querini Stampalia (Venezia).
I principali libri fotografici pubblicati da Luigi Ghirri sono Colazione sull’erba (s. e., 1974), Kodachrome (Edizioni Punto e Virgola, 1978), Viaggio in Italia (Il Quadrante, 1984), Il profilo delle nuvole (Feltrinelli, 1989), Paesaggio italiano (Electa, 1989). Successivamente Atelier Morandi (Contrejour-Palomar, 1992), Polaroid: l’opera completa 1979-1983  (Baldini Castoldi Dalai, 2003). Al suo lavoro di interpretazione dell'architettura è stato dedicato il volume di Paolo Costantini, Luigi Ghirri-Aldo Rossi. Cose che sono solo se stesse (Electa, 1996). Di Luigi Ghirri Quodlibet ha pubblicato Lezioni di fotografia (2010) e Niente di antico sotto il sole (2021)

SuperDesign charts the Italian Radicals’ bold experimentation in modern design from its birth through its continued influence on design today.Radical Design was launched by art, architecture, and design students in Italy in the mid-1960s.
See more

Alberonero earned his degree at the Polytechnic Institute of Milan and works on minimal, essential and synthetic forms with visual language elements that have been reduced to their minimum terms. His focus is the architectural space...

See moreSee all artists

Gysbert Zijlstra (1978) and Erris Huigens(1978) derive their inspiration from the industrial or urban landscape, in particular the strict functional character of steel structures, scaffolding and construction cranes...

See moreSee all artists

Pier Paolo Pitacco deals with image, communication, graphics and writing. He has worked on visual and corporate identity projects with respect to images, packaging, events and exhibition projects for important companies and international brands of haute couture and design...

See moreSee all artists
Prev
We use cookies to ensure you the best experience on our website. If you continue to use this site we will assume that you are ok with it. learn more here.